Non c’è più la prima Vera!

GuiVera

Vi ricordate di Guillaume e me? Siamo arrivati il 4 di Febbraio, esattamente tre mesi fa. Dopo un viaggio lungo con l’aereo e il treno siamo usciti dalla stazione di Pesaro, piena di aspettative e anche paure. Non sapevamo come sarà il nostro progetto SVE, il lavoro, la gente, l’appartamento… E adesso? Tutta la vita è cambiata per noi.

Il primo fine settimana a Pesaro eravamo totalmente abbandonati e dovevamo sopravvivere da soli. Dopo una colazione accompagnata di musica italiana siamo usciti dalla nostra casa sopra l’arco famoso di Santa Veneranda e abbiamo preso l’autobus verso il centro. La nostra missione: trovare qualcosa di mangiare e comprare una carta Sim italiana per i nostri cellulari. Non era così facile! Quando siamo arrivati al negozio di telefonia abbiamo imparato la prima cosa molto importante del modo di vivere in Italia: la pausa di pranzo dura tre ore. Allora, dovevamo cambiare il nostro piano e abbiamo cercato un supermercato che era aperto.
Siamo stati per quasi due ore a un piccolo negozio nel centro per orientarci e trovare tutte le cose di che avevamo bisogno. Soprattutto scegliere i biscotti più buoni era un grandissimo ostacolo! Dopo siamo ritornati al negozio di telefonia che finalmente era aperto. Per fortuna, la commessa gentile ha capito subito che non parlavamo così bene l’italiano e ha provato parlare l’inglese (abbastanza bene!) e anche il tedesco (non così bene). Ciò nonostante è passata un’altra ora in questo negozio e dovevamo correre per prendere l’autobus… che non era puntuale (come sempre).
Alla fine di questo giorno a Pesaro siamo ritornati stanchissimi a casa, ma anche eravamo molto fieri di noi che siamo riusciti con tutte queste cose!

Tre mesi dopo: un giorno normale a Pesaro. Ci svegliamo tardi perché sappiamo che l’autobus è tardi e mangiamo una Pizza Rossini (Pizza con uova soda e maionese: non sto scherzando!) al volo per colazione. Quando arriviamo in ufficio, salutiamo i nostri colleghi in italiano. Nella pausa di pranzo cuciniamo tutti insieme la pasta come una famiglia italiana. Per la merenda sarà il tiramisù, se abbiamo il coraggio per farlo o un gelato nella piazza vicino all’ufficio. Dopo lavoro facciamo l’aperitivo con tanti nuovi amici pesaresi. Ma non abbiamo trovato gli amici solo a Pesaro: anche durante la formazione di “on-arrival” per tutti gli SVE di Italia abbiamo incontrato molte persone carine che ci danno la possibilità di viaggiare in tutta l’Italia quasi gratuito. Tutto sommato possiamo dire che non siamo più gli stranieri qua. Siamo persone aperte scoprendo non solo Italia e lo SVE, ma il nostro mondo nuovo!

Vera (e Guillaume)

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s