In accoglienza/hosting, Servizio Volontario Europeo (EVS), Uncategorized, Vicolocorto

Un giro a Pesaro

Nel fine settimana ho deciso di fare un giro per Pesaro. Volevo osservare un autentico sabato pomeriggio italiano-pesarese. 🙂

Per la prima volta ho guardato meravigliato Piazza del Popolo. Il mio edificio preferito è il Palazzo Ducale: anche noi in Ungheria abbiamo molti monumenti con l’architettura del Rinascimento.

Dopo sono andato al mare. Il tempo era bellissimo, quando ho visto la Palla di Pomodoro. Questa scultura è il simbolo di Pesaro e mi fa sentire che il mare è lì vicino.

É giusto: sono arrivato al mare! Aspettavo questo momento: sole, venticello e profumo del mare. Come un sogno! 🙂

mare-spiaggia

Nel frattempo avendo molto fame sono tornato indietro per mangiare una crêpe. Questa mangiata ha messo i puntini sulle i: la crêpe era molto deliziosa e dolce.

mare-tramonto

Intanto ha iniziato a fare buio e sono dovuto andare a casa, ma in piazza c’erano molte persone: mi è sembrato che ci fosse stata una festa!!
Questo è stato il mio primo giro a Pesaro. Spero di poter fare molti giri a Pesaro nel futuro. 🙂

Csanád

Advertisements
in invio/sending abroad, post-project, Red Cross, Scambi, corsi, seminari/Short-term projects, Uncategorized, Vicolocorto, Workshop

Training Course ‘First ADR Kit’ in Worcester, UK 1.–8. October 2016

‘First ADR Kit’ strategic partnership is a cross-sector cooperation between organisations active in the fields of intercultural communication, conflict management, active citizenship and youth participation, aimed at creating new educational methods of teaching Alternative Dispute Resolution (mediation, negotiation, conciliation, dispute boards) with the use non-formal education tools.

The firs step of this 2 years long cooperation is the training course that took place in Worcester, United Kingdom on 1.–8. October 2016. Vicolocorto took part with four participants, and two of them,  Edoardo Magoga and Federica Guerra, have agreed to share their experience with us.

adr-edo-fede-stefano

Q1: How did you come across to this project and have you ever heard of ADR (Alternative Dispute Resolution) before?

Edoardo said that he had never heard of ADR before starting the preparation for the training, so it was supposed to be a completely new experience for him. On the other hand, Federica mentioned that she knew about the mediation method (which is an action between parties to effect an agreement) before applying for the project proposed by Vicolocorto.

Q2: Have you ever done any other social projects?

Federica had her previous exchange experience during the university years. She participated in Erasmus program. For Edoardo it was his first international project.

Q3: Why did you choose this kind of project?

Croce Rossa proposed this project to him, but he didn’t know much about it at first. So Edoardo took this challenge to gain some new experience and he took part to the ADR preparation meetings. Federica answered that even if the project seems long, it can provide you with useful tools different from those usually found in formal education. Therefore, new methods of negotiation like ADR can be used in a practical way to find compromise between conflicting parties.

adr

Q4: What benefits do ADR bring to the private and public sectors?

In Federica’s point of view the main benefits are creativeness, more possibilities to find solutions, chance to put yourself into the shoes of another person, which can help you to grow as a person and to become more open-minded. While for Edoardo it is still too early to realize the benefits. He’s looking forward to participate in the following program in March 2017 to learn more about the ADR method. However, so far it seems as though the importance of mediation is not limited to the job environment but also in daily life.

Q5: Is it important to apply ADR in your opinion? How it is important? For whom?

Both of them think that the ADR method is very important for juridical things, but can also be applied in home environment and in many other sectors where the conflicting situations appear helping to create a more tolerant way of solving problems.

Q6: What activities are held to introduce ADR during trainings? 

Both participants answered that training course was 50/50 theory and practise. There were a lot of practical activities like role playing. Also there was a big amount of theory, which was hard to understand at first. However, the practical activities helped to perceive the difficult parts of the theory.

adr2

Q7: What is the most important thing you learned from this project?

Edoardo laughed and said “a little bit of English”. For Federica the most important skills were active listening, being able to listen without judgement and understanding what is important for the speaker, listening to what the person has to say and what it really means.

Aida & Linh

In accoglienza/hosting, Uncategorized, Vicolocorto, Volunteering: a Youth Empowerment Instrument

Buongiorno Italia!

Ciao everyone!

I am not a boy of many words so let’s keep it briefly.
Asian from Germany – 18 – And READY TO EXPLORE THE WORLD
AND GAIN NEW EXPERIENCES!

Okay, I am just joking.
Let me introduce myself to you (in an ordinary way).

My name is Linh Nguyen, I’m 18 years old and come from Germany – better to say Eastern Germany – and I am very happy to engage as a volunteer for Vicolocorto.linh-abiturfoto

I believe that I am a pretty active and open-minded person, who likes to get in touch with (new) people. That’s why I love to do sportive activities or spend time producing funny films with my friends. If I am by myself I like to play or better to say train on the piano too.

4 months ago, in June I finally finished my school
and received my a-level-certificate, so that I can go to
a university; study; have a half-time job and basically
follow the ordinary path of life, right? Not with me! ..At least not right know…

That’s why I chose to have an EVS – I want to experiences new things, meet new people from all over the world and get to know their personality and culture! Because I believe that – especially in this time of the world – we need to get in touch with each other and improve intercultural realtionships.

Sounds fun and adventurous right? Just follow the blog and be part of this amazing trip here in Pesaro!

Linh

In accoglienza/hosting, Servizio Volontario Europeo (EVS), Uncategorized, Vicolocorto, Volunteering: a Youth Empowerment Instrument

Once upon a time in Italy

Hello everybody, my name is Aida and I’m a new volunteer in Vicolocorto Association in Pesaro. I come from a small but lovely country: Lithuania.

Having just finished my studies I’m still undecided what area of activities could completely suit and satisfy me, that is why I am not in a rush to lock myself in an office, but rather choosing to explore what the world can offer to me at the moment and what can actually enable my personal growth.

In the past I have tried many other exchange programs so the time for the EVS has come as well. Because why not, right? Moreover, the chance to live abroad and to be involved in cultural activities have always interested me a lot along with actually being a part of an association and learning how things work in such organizations like Vicolocorto. Having received an invitation to come to Italy made me especially happy as I got the opportunity to finally “migliorare il mio italiano”, the language that I know a little bit already. Even if most of the Italians want to practice their English with foreigners, I believe I will have my “chance to shine” in Italian as well. 🙂

 Besides these humble hopes and dreams of mine to become a native speaker of Italian in 6 months (challenge accepted), I’m also willing to make a great contribution to help young people have their experience abroad – to leave their comfort zones and challenge themselves. It’s because I personally believe that this is an excellent way to learn A LOT about different cultures, lifestyles, points of view, new languages and to become more open-minded and creative.

I can frankly admit, that all of my experiences abroad in Estonia, the Netherlands and the USA made me more mature, more flexible, definitely more open-minded and simply more cheerful human-being.

aida-palla-pomodoro

Now at the very beginning of my Italian experience I hope to explore another amazing country and culture in more depth, learn new things from the people that surround me and share my knowledge with them in return.

Let the fun begin! In bocca al lupo.

Aida

In accoglienza/hosting, Servizio Volontario Europeo (EVS), Uncategorized, Vicolocorto, Volunteering: a Youth Empowerment Instrument

Sono arrivato!

Ciao!

Mi chiamo Csanád Kandikó (sí, é difficile 🙂 ). Ho 23 anni e vengo dall’Ungheria da Nagyvázsony e da Budapest. Sono qui dal 6 ottobre al 5 aprile e sono un volontario SVE a Vicolocorto.

A casa sono studente, frequento giurisprudenza nell’università e dopo voglio diventare avvocato. Nel tempo libero mi piace fare sport (per esempio calcio, correre e culturismo).

Ho studiato la lingua italiana nel liceo. Mi piace questa lingua, perché sembra melodica. Mi piace anche la cultura italiana – specialmente la storia.

In Pesaro voglio imparare la lingua italiana e fare nuove amicizie. Negli ultimi tempi io e miei amici abbiamo conosciuto la città. Abbiamo visto il mare e la Piazza del Popolo, ma purtroppo pioveva 😦  . Spero che possiamo godere il sole famoso d’Italia nel futuro.

pesaro

Ciaone! 🙂

Csanád Kandikó

in invio/sending abroad, Servizio Volontario Europeo (EVS), Uncategorized, Vicolocorto

5 cose da sapere se pensi di fare uno SVE di lungo periodo (ma non solo).

nave

Sono a metà del mio SVE. Sono partito dall’Italia 7 mesi fa per venire a Budapest e lavorare al mio progetto e me ne restano da fare ancora 5. Quando ho iniziato questa esperienza – che lentamente sta diventando un intero capitolo della mia vita – ho postato un articolo a proposito sul blog della mia associazione, pieno di felicità e sentimenti positivi. Se lo rileggo ora, penso che quello che ho scritto è vero solo in parte. Non che non sia felice della mia esperienza, però un anno è molto lungo e insieme alle belle esperienze ce ne sono anche di meno belle. Ma questo fa parte del gioco.

Un amico mi ha detto che secondo lui la durata ideale di un progetto SVE è di sei mesi. Se è più lungo, ci saranno dei problemi: con te stesso, con le persone e con la tua associazione. Io penso che dopo sei mesi arrivi al punto di vedere le cose chiaramente: la positività e la leggerezza di tutti gli inizi sono evaporate e se ci sono dei problemi si faranno presenti. Tuttavia, se ti piace quello che stai facendo e il posto dove sei, ti sentirai più coinvolto e sicuro/a di te stesso, e lavorerai molto meglio: è il momento in cui inizierai veramente a sentirti a casa.

Così ho pensato di scrivere un po’ di consigli e riflessioni che potresti trovare utili se pensi di fare uno SVE per più di sei mesi:

1. Scegli bene il tuo progetto.

1
Dovrai averci a che fare a lungo e può essere una fantastica occasione per crescere e imparare cose nuove. Ti metto in guardia però che probabilmente non sarà come ti aspetti: il più delle volte le cose che leggi sulla carta sono intenzioni e quello che succederà veramente sarà il risultato della relazione tra te e la tua associazione. Quindi, non aspettare semplicemente che qualcuno ti dica cosa fare, ma cerca di essere propositivo e aperto a tutte le possibilità. D’altra parte, flessibilità non significa che devi accettare tutto: se credi che l’associazione non rispetta i suoi impegni per il tuo progetto parlane con loro, con il tuo mentor e con la tua sending. Non essere timido.

2. Scegli bene dove andare.

2
Anche per il posto, ci starai per un lungo periodo, quindi non andare in campagna se ti piace la città e viceversa. Se vuoi solo provare com’è vivere all’estero, forse un progetto breve è un’idea migliore. Inoltre, considera la lingua: tra le attività del tuo SVE c’è anche quella di studiare la lingua del paese in cui vivrai, quindi cerca di scegliere un luogo di cui vorresti imparare la lingua. In ogni modo vivrai in un contesto internazionale, quindi sicuramente farai tantissima pratica con l’inglese.

3. Fai amicizia.

3
Ti ritroverai da solo, in un posto nuovo e dovrai rimanerci per molto tempo: ti serviranno degli amici. Iscriviti a un corso o inizia a fare dello sport. Qualsiasi cosa va bene, purché tu esca dal tuo appartamento e conosca nuove persone – so che hai già un sacco di amici su Facebook ma non è la stessa cosa. Chiaramente quasi tutte le persone che incontrerai non saranno italiane: dovrai essere aperto e tollerante, perché avrai a che fare con ogni sorta di differenze – culturali, culinarie, emotive e sessuali. A seconda di come prenderai questa cosa, potrà essere un incubo o un grande arricchimento, quindi sta a te creare una bella esperienza da questi incontri. Inoltre, scoprirai anche cose in comune e vedrai più chiaramente le tue peculiarità, i tuoi limiti, pregiudizi e qualità: è un po’ come riscoprire la propria identità. E preparati agli addii: se farai un progetto di un anno, la maggior parte di chi incontrerai nei primi mesi partirà prima di te. E’ sempre triste lasciare qualcuno con cui hai condiviso parte della tua vita, ma d’altra parte avrai amici da visitare in tutta Europa.

4. Non smettere di guardarti intorno.

4
Dopo un po’ di tempo, magari proprio quando inizierai a sentirti a casa, potresti perdere la tua curiosità, perfino se vivi in una grande città. Posso assicurarti che non ci sono mai abbastanza posti da scoprire, persone da incontrare e cose da fare in qualsiasi luogo tu sia. Quindi, rimani attivo/a. Poi, nel secondo periodo del tuo progetto dovresti iniziare a cercare qualcosa da fare dopo, se non hai ancora dei piani precisi. Potresti pensare che c’è tempo, ma la verità è che il tempo passa più veloce di quanto tu possa immaginare. Se il tuo SVE è di un anno, ti raccomando di iniziare a pensarci su a metà strada. Se non sei sicuro di quello che vuoi fare, puoi sempre chiedere un consiglio alle persone che lavorano nella tua associazione o al tuo mentor: scommetto che saranno più che felici di aiutarti e potrebbero conoscere qualcuno, che conosce qualcuno… anche qui, non essere timido.

5. Innamorati, ma con la testa.

5
In un anno potresti conoscere una persona speciale e potresti essere coinvolto in una relazione. Le occasioni non mancheranno – a meno che tu non segua il mio consiglio al punto 3. Ci sono dei contro però, e ho un paio di amici in questa situazione: il progetto ha una data di scadenza e tu, il tuo partner o entrambi potreste dovervi spostare in un altro luogo per continuare la vostra vita. Inoltre, alcuni vogliono solo tornare alla loro vita precedente dopo il progetto, vita di cui tu non fai parte. Di conseguenza, potresti provare dei sentimenti di instabilità, incertezza e preoccupazione per la tua storia: questo significa problemi. Certo, c’è una soluzione a tutto e forse questo è un buon sistema per testare una relazione; ma io continuo a pensare che questa cosa sia in qualche modo innaturale. Sicuramente è una situazione via via più comune di questi tempi. Tuttavia, non tutti hanno voglia o sono pronti ad affrontare questa cosa. Se posso darti un consiglio, non essere testardo, mantieni la calma e tieni basse le aspettative. Più facile a dirsi che a farsi comunque.

Detto questo, devi solo partire e trovare la tua strada. E non dimenticarti di divertirti.

Giacomo Cavalletti