Vicolocorto

Vivere la natura al 100%: il progetto di volontariato a Campo Base

L’aspetto più bello dei progetti di volontariato dal punto di vista delle associazioni che li ospitano e li coordinano è la possibilità che questi offrono di creare nuove sinergie e nuove reti all’interno del territorio e a livello internazionale. È una bellissima collaborazione quella che è nata tra Vicolocorto e l’associazione pesarese Campo Base, una collaborazione che ha saputo creare volontari felici a stretto contatto con la natura!

Campo Base è una cooperativa sociale di tipo B fondata nel dicembre 2008, il che significa che il suo obiettivo principale è sempre stato l’inclusione di persone con minori opportunità attraverso le attività che organizza. La cooperativa impiega persone con disabilità e tutte le attività implicano la relazione e la cooperazione con loro in un ambiente pienamente inclusivo.

Campo Base opera nel settore ortofrutticolo e zootecnico secondo il metodo biologico e il concetto di “permacultura”. Le attività nella fattoria coinvolgono persone con disabilità e riguardano principalmente il contatto con la natura e gli animali con l’obiettivo di imparare a rispettare il pianeta e di coltivare il cibo in modo biologico ed etico.

Si tratta di un ambiente perfetto per i volontari che vogliono sperimentare sia il concetto di inclusione che il rapporto etico e sostenibile con la natura. Al momento l’associazione ospita 2 volontari dalla Francia e dalla Polonia, Baptiste e Martyna, i quali collaborano insieme ad altri 2 volontari dalla Spagna, Aina e David che sono ospitati in un’altra associazione di Pesaro che si occupa di disabilità, stretta collaboratrice di Campo Base e Vicolocorto.

Attraverso i volontari Aina, David, Martyna e Baptiste possiamo scoprire che cosa significa prendere parte a questo progetto di volontariato. Innanzitutto, le attività che svolgono i volontari seguono il ritmo della natura e delle stagioni e, di conseguenza, cambiano in base al periodo dell’anno. I volontari vengono coinvolti in 3 attività principali: la cura dell’orto, la cura degli animali e la cura della struttura che ospita le attività. Campo Base ha infatti degli ospiti speciali: polli, tacchini e pecore (le ultime arrivate in famiglia!). I volontari hanno la possibilità di imparare la cura degli animali e dell’ambiente in cui vivono: li nutrono e puliscono dove è necessario. Per quanto riguarda l’orto, invece, imparano a riconoscere i semi e le piante, nonché i periodi dell’anno adatti per la piantagione e la raccolta di frutta e verdura.

Come ci raccontano Aina e Baptiste, questo progetto non è un ritiro tranquillo nella natura e, soprattutto, non è solo agricoltura! Il rapporto umano è fondamentale: si lavora a stretto contatto con persone con disabilità e “inclusione” è la parola chiave. Ciononostante, si tratta di un’occasione perfetta per conoscere da vicino il mondo dell’agricoltura: si impara l’importanza della stagionalità delle verdure, la necessità di organizzazione, come riconoscere i semi e le piante, la necessità della pioggia e si capisce anche l’impegno fisico che questo tipo di lavoro necessità.

Partecipando a questo progetto, infatti, David sostiene di aver imparato l’importanza di prendersi cura della natura,  di essere diventato più consapevole dell’origine di ciò che mangiamo e di tutto il lavoro che c’è dietro.

Quindi per chi è consigliato questo tipo di progetto? Sicuramente è il progetto ideale per tutti coloro che vogliono fare un’esperienza nel mondo della sostenibilità, per coloro che vogliono avere un rapporto diretto con la natura e gli animali, imparando allo stesso tempo nuove best practices per l’inclusione. Ma come ci ricorda Aina, preparatevi a sporcarvi le mani!

Virginia

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s