Eventi locali / Local events

L’arte è tornata a vivere agli Orti Giuli con lo ZOE Microfestival

Artisti, musicisti e associazioni fanno diventare il giardino un spazio di divertimento e riflessione per tutte le età!

zoe4

Quando siamo entrati in questo bucolico giardino, nel pieno centro storico di Pesaro, abbiamo trovato un’atmosfera molto diversa rispetto a quella abituale. Se negli altri giorni gli Orti Giuli, costruiti nell’800 per Giulio Perticari, sono un luogo tranquillo e solitario, da mercoledì sera è diventato pieno di musica, risate e chiacchiere grazie al popolare Zoe Microfestival. Dall’ingresso iniziava un percorso tra varie esposizioni, dedicate ciascuna a diverse interpretazioni dell’arte visiva: fotografia, disegni, pittura, etc. La magia che queste esposizioni hanno in comune consiste in una semplicità nell’originalità: ad  esempio mi ha colpito in una di queste la presenza di tre fori in un cartoncino nero, che occultavano ognuno una foto diversa. ciascuno riesce a costruirsi la sua immagine in base al proprio occhio: quindi il ricevente non solo vede, ma arriva anche alla propria conclusione.

I colori degli stand delle associazioni nelle scale di sotto attiravano molta gente che arrivava ai concerti con la luce del tramonto. Essendo l’inclusione il tema centrale, attraverso giochi e divertimenti i visitatori erano spinti a riflettere su stereotipi dell’Africa, dei generi sessuali o dello sport. L’ente “l’Africa Chiama” invitava a conoscere le diverse identità africane con una mappa sui pregiudizi, “Percorso Donna” proponeva di farsi una foto con degli oggetti connessi tradizionalmente con le donne e permettendo così di ridere di se stessi, e con la “Palla Rotonda“ potevi metterti nella pelle delle persone non vedenti, provando a  fare un percorso con trappole mentre andavi in giro con gli occhi chiusi.

Anche i bambini potevano trovare il loro divertimento, provando a “uccidere” con una balestra le note di una canzone di Rossini disegnate su un cartellone degli stand di “Totem”, il centro di aggregazione giovanile di Pesaro. Là, con un cappello tipo Guglielmo Tell, i più bravi colpivano le note del famoso compositore con un’arma di legno. Ma l’arcobaleno dei “Servizi Prima Accoglienza” era forse una delle maniere più carine per far conoscere una dura realtà, quella dei senza tetto. Con una canna da pesca i piccoli pescavano degli obiettivi di questa categoria, che possono essere trovare un lavoro, la felicità o la famiglia, e anche i loro ostacoli, come la solitudine, la dipendenza dall’alcol o la paura della routine.

Nel percorso di salita ai palchi e nell’attico, dove si concentravano musica, bevande e piadine, c’erano anche dei messaggi positivi, con una bambola che invitava a scrivere “cosa ti piace di te” e condividerlo con tutti mettendo le tue caratteristiche positive in un barattolo.

zoe2

Arrivata la notte, con il cambio dei tipi di musica cambiava anche il tipo di spettatori. Le famiglie hanno cominciato ad andare via e i giovani sono arrivati per godere del suono “sotner” di “El Cabron” (Pesaro), lo stile “low-fi” di “Lomax” (Modena) o il postgrunge di “Tribunale Obhal” (Marotta).  Il ritmo ha invaso tutto lo spazio, pieno di corpi in movimento fin dopo mezzanotte.

E’ stata una bella serata che si ripeterà ogni giorno fino a domenica con nuovi concerti e più divertimenti, in un festival dove la cosa più importante per gli artisti non è guadagnare soldi, ma portarsi a casa delle esperienze che aiutano a crescere come persone.

Maria

Advertisements
Eventi locali / Local events, Servizio Volontario Europeo (EVS)

Different weekend for Fiesta Globàl

We arrived in Fattoria della Legalità (Isola del Piano, PU) Saturday afternoon at 2 pm, and just after leaving the car we could enjoy the picturesque view that there would have been there for the next two days.

Fattoria della Legalità is a house taken from the mafia and now it’s used by the Town Hall and the people for social and cultural activities in order to keep the freedom and to do something useful for society. The town major, a very gentle and kind person, explained us a bit about Isola del Piano history as the first biological farm area in Italy and how the Fattoria della Legalità developed as a social site, after the mafia man who owned the place until twelve years ago.

18817673_10213495109117280_978907615_o

All of us, as the group of the Vicolocorto’s EVS, we were there for helping to organize the Fiesta Globàl, the street art festival that will take place in Montefabbri, from 21st to 23rd of July. In order to make the organization successful, first of all we got to know each other better, so we could easily cooperate with the organizers and local volunteers of the festival. Because of that we joined two workshops on the arrival day, one about experimental theater, and the other one, after dinner, about playing djembe.

The djembe session was so successful and funny that some of us continued playing until it was  really time to go to bed.

We all slept in a non-common way: in a camper, in a tent under the stars, on the floor, in a car… But we managed to get up full of energy! So on Sunday we started with a nice breakfast in the middle of those beautiful mountains, some of us had a nice walk and came back with a bag made of leaves plenty of wild cherries (which we are still wondering if there were cherries or not, but that weren’t toxic and tasted very good!). After eating a real Italian pasta meal and “crostata” as dessert, we had the main meeting for preparing the festival.

The whole group, more or less twenty people, discussed about many different important aspects for the organization of the Fiesta Globàl: the prize of the ticket, the decoration of the entrance, the logistic of the events, how to do the promotion, and which extra activities would be nice for the festival audience. It was long enough for realizing how the event will be and, moreover, how important it is to meet the people with who you will collaborate before starting to. And that’s the value of the art labs and the meals that we shared before organizing meeting, because only after that we felt free and we were able to show to the others our opinions and our ideas to enrich the festival.

We went back home with some things to do on our own for the festival, but with a lot of new memories and friends that we hope we will meet again!

Maria

Eventi locali / Local events

An EVS afternoon in Montefabbri at Fiesta Global Festival 2015

With some late we are glad to speak about one of the most important ethnic event in Italy: the Fiesta Global 2015.

Organized by TribalEgg Association, Fiesta Global at the 12th edition attract every year more o less 10000 participants from all Italy and abroad.

fiestaglobal

Our afternoon in Montefabbri (Pesaro and Urbino) was spent with some cold beer and matches of backgammon, speaking with the artists (already) met in Zoe Microfestival, artisans and performers.

12032430_10206815545281744_1524584231_n

We spoke about EVS and the opportunity to have a volunteering experience abroad and the experience who can have the EVS here in Pesaro.

Moreover, we tried unsuccessful to participate to some workshop like African dances and African percussion. Maybe we needed more talent.

12033469_10206815548241818_687601658_n

Eventi locali / Local events

ZOE MICROFESTIVAL – Day 2

After the first day of Zoe, the second day of this open art concept festival arrived, and with it many different artists ready to perform and to give their maximum on the different stages. Orti Giulii was alive again, by the second night in a row!

People start to arrive at 20.00 p.m, a great part of them arrived to the Pesaro Language Exchange that was going to start exactly at this time near the Vicolocorto’s spot. The event went fine with people interacting with each others.

ple

When the concerts started we went looking for victims willing to do an interview with us about their opinion on the Festival. We found a few people interested in, inclusive Elisa Magi and Stefano Breschi. When we asked about their general opinion on the Festival Elisa said: “The first thing I noticed was how green this place is, full of beautiful trees (…) There are a lot of things to do, I liked especially the drawing panel in the entrance and the pictures on the sidewalls”. Not so happy Elisa mentioned: “The drinks are quite expensive… but it’s ok, I came to meet my friends and the people that I liked so I’m good anyway”. When we asked about the last editions of Zoe, Elisa answered: “The last editions (especially last year) should have more music artists, cheaper food and drinks, but this year it seems ok with more artists. It’s for sure a good meeting place with different concerts to enjoy”. Stefano had the same opinion that Elisa said: “The concept of the Festival is very interesting, with different music to hear and different places to explore art itself.”

11738041_10206213777355765_6291823143754976308_n

After we finished to torture our amazing interviewed we went to speak with Sarah Tonelli, that in microfestival is taking photos of the eyes with a very characteristic focus of every person that comes to take a picture of his/her eye. After giving a response to all the people that came to take a picture, Sarah had a moment to talk with us about her work and expectations. First we talked about her inspirations, as she said: “In general my inspiration comes from the passion of what I do, mostly because I can be myself in what I’m doing. I study biology, so I like the scientific individuality of each person, each eye. I have to confess that one of my inspirations is the film ‘I Origins’ that tells the story of a molecular biologist whose studies of human ocular points to highlight with profound implications on our scientific and spiritual beliefs.”

When we asked ‘what do you search in this work, in this pictures you take?’ Sarah answered: “I search the unique of each person, because, even if I have brown eyes like the majority of people, it’s always different the shadows, the formats, even the brown colour, form person to person, and I want to capture this difference in a close way. This play game between light and shadows is unique in every person. With this work I catch the individuality of the being letting the physical paranoia behind.” To finish our interview we spoke about dreams and expectations for the future, and Sarah said: “I hope I won’t lose the passion from this art, because I love to transmit emotions to people. I wish, in the future, to be satisfy with my options, with myself and what I do.” To finalize, with a beautiful smile Sarah said: “To be a transparent person”.

ila

The second day of the Festival ended, but with the certain for another day, another sunset, another artist, other visitors, but for sure the same spirit of this big art concept festival called Zoe Microfestival.

Carlos & Mert

Eventi locali / Local events

Una serata alla Fiesta Globàl

Quanti di voi nell’ultimo week end di Luglio (Venerdì 25, Sabato 26 e Domenica 27) hanno avuto l’occasione di recarsi a Montefabbri, in provincia di Pesaro, per partecipare al festival FIESTA GLOBAL? Noi di Vicolocorto c’eravamo, e abbiamo visto, incontrato, vissuto e assaporato persone, musica, spettacoli, insomma situazioni degne di essere riportate; per tutti quelli che non vi hanno partecipato, proveremo a portarvi con noi direttamente sul luogo del festival.

Innanzitutto, occorre dire che FIESTA GLOBAL è un festival che nasce in seguito ad un progetto che si sta via via consolidando fra gli appuntamenti estivi del circondario pesarese, presentandosi essenzialmente con un ottimo biglietto da visita: un’atmosfera totalmente multiculturale, basata sulla ricerca e la presentazione delle più svariate forme artistiche.

Vicolocorto@ Fiesta Global July 2014 Montefabbri

Il progetto è ideato dall’associazione Tribaleggs e coadiuvato dall’impegno fisso e costante del Comune di Colbordolo; l’unione fa la forza, e questo ha dato, e da ancora, la possibilità al festival di aver visto questa estate sbocciare l’XI edizione.

Noi dell’associazione Vicolocorto ci siamo ritrovati, come i tanti che sono accorsi per l’evento, in mezzo alle vie ed alle piazzette dello splendido e suggestivo borgo di Montefabbri, in mezzo alle note delle band musicali, le svariate attività degli artisti di strada, le peripezie di giocolieri e burattinai e tanti ma tanti djset!

Il borgo apriva infatti le tre serate consecutive alle ore 18, e gli eventi proseguivano fino a tarda notte: un’ottima occasione per unire giovani, meno giovani, bambini, artisti, musicisti, pittori e chi più ne ha più ne metta in un unico borgo, per fate tanta festa e condividere tante tipologie diverse di prodotti culturali!!

Vicolocorto @ Fiesta Global July 2014 Montefabbri

Non manca un finale più che etico per raggiungere uno degli scopi del festival: parte degli introiti vengono destinati all’acquisto di materiale didattico e ludico per le scuole del territorio!

Insomma, divertimento, festa, arte, ma anche risultati concreti e tangibili all’interno del panorama locale dove questa bella iniziativa nasce e prende forma!!

Di seguito riportiamo i pensieri e le sensazioni di una volontaria locale della nostra associazione Vicolocorto, Griselda, per dimostrare attraverso le parole di una giovane cosa è realmente accaduto e che cosa si respirava a FIESTA GLOBAL!

Griselda così ci ha detto:

“Sono stata invitata da una mia amica, Laura dell’associazione Vicolocorto, all’evento FIESTA GLOBAL a Montefabbri, e sono rimasta molto colpita, sia per la manifestazione in sè che per il luogo.

Montefabbri è un piccolo borgo molto carino: sembra quasi di tornare indietro nel tempo attraversando le mura della città. La festa (ed il suo profumo da circo!) dava molto colore, e immergeva il borgo in una situazione fortemente multiculturale che sembrava dare gioia ad un intero paese!!

Mi è piaciuto molto il modo in cui erano organizzati gli spettacoli sparsi per il borgo, di modo che era possibile fare una passeggiata… e poi all’ improvviso dietro l’angolo si intravedevano musicisti, giocolieri, artisti più vari, che avevano il potere di avvolgere tutti in un mondo nuovo e gioioso; dal mio punto di vista mi sento di dire che ammiro molto i ragazzi dell’associazione Tribaleggs che hanno ideato questa bellissima festa, sono riusciti a creare un ambiente ricco di umanità e felicità, e sono riusciti a coinvolgere tutti, dai bambini ai nonni, il tutto coronato da tanto tanto divertimento.

Gli spettacoli erano vari, dall’illusionismo ai piccoli spettacoli di teatro e giocoleria; mi ha colpito molto il suono di uno strumento molto bello ed affascinante con cui mi sono approcciata durante la festa, l’handdrum! La serata era così ricca che anche per fare la fila alla toilette avevi la possibilità di divertirti con canti tradizionali, trascorrendo il tempo suonando e cantando. Oltre a tutto questo c’erano i piccoli mercatini artigianali molto suggestivi dove si poteva fare una pausa- shopping, sempre molto gradita!

Vicolocorto @ Fiesta Global July 2014 Montefabbri

La serata si è conclusa a ritmo latino, scatenandoci a suon di ballo e gustando e bevendo in compagnia di persone diverse e molto suggestive…che posto, si respirava un mix interessante di cultura ed amicizia!

Non posso non apprezzare l’evento ideato da questi ragazzi, li ammiro e spero che il loro cammino sia pieno di progetti e che si possano realizzare tutti.

Questa festa è una tappa estiva molto interessante e molto bella e sarò ben lieta di andarci anche l’anno prossimo. “

Vicolocorto @ Fiesta Global July 2014 Montefabbri

All’estate prossima allora!!