Tag Archives: Vicolocorto

Una Domenica di Associazionismo con Ratata’P Pesarofest

Le nuvole hanno coperto il cielo domenica 1 Ottobre, ma non l’anima dell’evento più atteso dalle associazioni di Pesaro e dintorni: Ratata’p Pesarofest. Moltissime persone sono passate per Piazza del Popolo, dove dalle 10 della mattina fino alle 10 di sera si trovavano gli stand di tantissime associazioni molto diverse tra loro: 11 culturali, 13 sportive, 16 di tipo volontariato e 16 di tipo sociale, individuate in collaborazione con i Quartieri della Città. E ovviamente Vicolocorto non è mancato in questo festival, il primo festival delle associazioni di Pesaro, ideato dal Team Mamme per fare conoscere tutte le opportunità che la città offre.

22136862_10155903872042834_2913992329109592626_o

L’obiettivo dell’appuntamento è riuscito con successo, dato che era dare visibilità e rilievo al tessuto associativo della città. I membri delle associazioni hanno usato questo incontro per conoscersi e così, mostrando un po’ di curiosità e scambiando quattro chiacchiere, è iniziata la socializzazione. Nel caso di Vicolocorto, abbiamo dato anche l’opportunità di partecipare ad un laboratorio di conversazione in inglese, per far conoscere come funziona questo tipo di attività abitualmente organizzata dall’associazione.

Dal nostro stand, abbiamo informato le persone riguardo i progetti all’estero attivi al momento e i progetti locali come gli incontri di conversazione in lingua. Abbiamo conosciuto molte persone interessate e anche membri di altre associazioni, come il Circo Sociale, il cui pagliaccio si faceva vedere per la piazza passeggiando su due gambe lunghissime. Infatti, sebbene la gente fosse interessata ad associazioni con altre tematiche, non potevano non guardarlo con un sorriso. Era di sicuro uno dei personaggi più curiosi dell’evento!

2

Insomma, abbiamo fatto nuove conoscenze, ma soprattutto abbiamo potuto godere dell’ambiente festivo che c’era intorno a noi e degli spettacoli, laboratori ricreativi e dimostrazioni di discipline sportive. Durante il pomeriggio, grandi e piccoli si sono meravigliati con l’arte della danza contemporanea e dell’hip hop di Hip Hop Connection; della destrezza, precisione e disciplina di Long Kung Fu e dell’Unione Taekwondo Italia ASD, due gruppi che hanno dimostrato le loro conoscenze dell’arte marziale su un tappeto, in mezzo alla piazza.

L’incontro è finito da alcuni giorni, ma ci aspettiamo che l’ambiente d’unione e le collaborazioni che hanno iniziato a formarsi crescano con il tempo.

Maria

Advertisements

SVE, Che bello !

Questo articolò è per ringraziare tutte le persone chi mi hanno aiutato durante i sei mesi che ho passato qua! La “squadra di Vicolocorto”, Laura, Carolina, Daniele, e con una menzione particolare Virginia, nostra professoressa di italiano, che era quasi sempre con noi nelle nostre attività.

Una volta di più, consiglio a tutti di fare uno SVE a Vicolocorto. Ho imparato un’altra lingua, ho scoperto un’altra cultura, storia, ambiente, valore, cibo (non parlerò di pasta alla carbonara…) un nuovo paese!

Ho incontrato tante nuove persone! Altri SVE durante le formazione; le attività come “Il Ritrovo dei Viaggiatori”, la partecipazione al festival “Fiesta Global” o “ZOE” permettono anche di ricevere ospitalità in tutta l’Europa.

Adesso mi sento più sicuro per viaggiare di più ! Il mio nuovo progetto è di continuare a viaggiare e imparare l’inglese.

Terrò tantissimi bellissimi ricordi con me !

1

Julien

Belle strade inaspettate

Cinque mesi. Sono arrivata in Italia, a Pesaro, più di cinque mesi fa per il mio SVE a Vicolocorto e non riesco ancora a capire come è possibile che l’esperienza finirà in meno di 30 giorni. Questi cinque mesi sono passati velocemente ma anche di una maniera così intensa che mi costa ricordare tutti i momenti vissuti. Nuove abitudini, nuove amicizie, nuova lingua, nuovo cibo…, ma soprattutto, una nuova “io”.

In questo tempo ho imparato dallo staff di Vicolocorto che si può lavorare con un sorriso. Ho fatto il volontariato con altri giovani stranieri con cui ho condiviso la casa e anche il tempo libero (qualcuno ha detto di andare dagli SVE della Croce Rossa?). L’elenco di persone che mi vengono in mente è lungo: Mariam, Julien, Guillaume, Demi, Isabel, Anna, Eli, Ola, Sami… E ovviamente nella lista non può mancare la mia Alysson e il suo sorriso (Cara, sai che ti voglio molto bene e ti auguro una bella vita a Barcelona!).

Gli incontri di conversazione in inglese come il Ritrovo dei Viaggiatori e il Pesaro Language Exchange sono diventati un’opportunità per fare amicizia con italiani e (come no!) spagnoli e argentini. Comunque non voglio dimenticare i ragazzi del Centro di Aggregazione Giovanile e Mery, che mi hanno insegnato il valore della pazienza e sempre avranno un posto nel mio cuore per la loro gentilezza, innocenza e curiosità. Come non ti possono essere simpatici quelli che ti insegnano a cucinare la piada?

21208799_10209699084129661_1669505849_n

Ad ottobre, quando preparerò la valigia porterò con me quelle cose più lussuose che nessuno ti può rubare: più conoscenza dell’inglese e dell’italiano, il ricordo del tramonto dalla spiaggia di Pesaro; la immagine della piazza del Duomo di Firenze di notte, bianco e silenzioso dopo una giornata piena di turisti…

Infatti quando ci penso, sembra un cliché. È detto sempre: “cambiare di posto apre la mente”, “viaggiare ti fa diventare un’altra persona”. Ma lo sento davvero: quando arriverà ottobre non sarò la stessa che ero quando sono partita. Sebbene non sia riuscita con delle sfide che avevo da prima,  non mi preoccupo. Pensavo che avrei avuto più tempo per scrivere, per conoscermi un po’ meglio, per avere le idee più chiare di cosa volessi fare nella vita e la situazione è diventata esattamente il contrario: mi vedo sola di fronte al mondo e l’unico che so è che non voglio ritornare a casa.

Non posso dire di non essere nervosa. L’ansia c’è, ma la paura non c’è più. E questa è la ragione per la quale sono soddisfatta di avere preso la decisione di trasferirmi a Pesaro. Mi sento sicura e motivata per affrontare gli imprevisti.

21222579_10209699169171787_884107345_o

Venire a Pesaro era il primo passo per cominciare a credere in me e nelle mie capacità. Se qualcuno mi avesse detto ad aprile: “Se vai in Italia, parlerai italiano, farai amicizia con SVE di tutta Europa e, perfino, farai kayak al golfo di Napoli”, mi sarei messa a ridere.

Insomma, invece di aiutarmi a decidere la mia strada professionale, questa esperienza mi ha aiutato a vedere tutti quegli aspetti indimenticabili per una bella vita, la prima di questi è la gioia di viverla e, poi, la curiosità per crescere condividendola con persone con interessi e culture così diverse.

Come diceva Henry Miller:

“La meta di ognuno non è mai un luogo, ma piuttosto un nuovo modo di vedere le cose”.

 

Maria