Eventi locali / Local events, In accoglienza/hosting, Red Cross, Servizio Volontario Europeo (EVS), Uncategorized, Vicolocorto, Volontari locali

Il primo soccorso può salvare la vita – noi di Vicolocorto siamo parte della squadra!

La scorsa settimana siamo stati tutti insieme – cioè lo staff di Vicolocorto e i nuovi volontari SVE (servizio di volontariato europeo) della Croce Rossa – per partecipare ad un corso di primo soccorso. Siccome è molto importante sapere come reagire nelle situazioni di emergenza, anche noi siamo stati invitati a fare questo corso presso la sede del comitato CRI di Pesaro.

Ci siamo incontrati due pomeriggi (martedì e giovedì) con Elisa, responsabile della formazione per la Croce Rossa di Pesaro, per avere prima le lezioni teoriche e dopo anche per mettere in pratica quello che abbiamo imparato su un manichino.

        img_3699                                img_3704

Abbiamo parlato delle diverse situazioni di emergenza che succedono più frequentemente e in cui noi possiamo aiutare. Elisa ha presentato diversi tipi di emorragie e ferite e ha spiegato i tre gradi della bruciatura e lo stadio dello shock.

Più importante era la spiegazione dei trattamenti in questi casi, soprattutto la “CPR” (rianimazione cardiorespiratoria). Se una persona è incosciente, si devono seguire i tre passi dell’algoritmo “ABC”: Airways, Breathing e Circulation. Dopo aver valutato la coscienza, si devono aprire le vie respiratorie con un’iperestensione del capo e poi si controlla se la persona respira guardando il torace e sentendo e ascoltando il respiro attentamente. Se la persona incosciente non respira, si deve iniziare con la rianimazione: trenta pressioni sul cuore al ritmo della canzone “Staying Alive” dei Bee Gees, e due respiri alla bocca (insufflazioni). Dopo due o tre ripetizioni la persona potrebbe ricominciare a respirare ed essere cosciente di nuovo. In questo caso, si mette la persona nella posizione laterale di sicurezza. In ogni caso non si deve dimenticare di chiamare 118, il numero di emergenza in Italia, prima di iniziare la CPR. Così l’aiuto professionale può arrivare velocemente.

This slideshow requires JavaScript.

Il corso di primo soccorso con Elisa è stato molto interessante e noi abbiamo avuto la possibilità di imparare tutto ciò che è necessario per aiutare nelle situazioni di emergenza nella vita quotidiana. Inoltre ci siamo accorti che la Croce Rossa è sempre pronta a supportare le persone che si sentono abbastanza coraggiose da prestare i primi soccorsi in caso di necessità. Raccomando anche a voi un corso di primo soccorso alla Croce Rossa: non abbiate paura di aiutare e salvare le vite!

Vera

Advertisements
In accoglienza/hosting, in invio/sending abroad, Scambi, corsi, seminari/Short-term projects, Servizio Volontario Europeo (EVS), Uncategorized, Vicolocorto, Volontari locali

Say HELLO to tolerance!

As we all know, Vicolocorto is a non-political, non profitable youth association with specialization in youth work, focused towards the education and mobility. Its mission is to educate young people through non-formal education with the help of volunteers like myself.
One of the perks of the association is to host volunteers form all around the Europe, but also to give a chance to Italian youth to experience the same – to travel abroad, meet new people, learn about different countries and their culture, but overall to participate in an interesting project and have a life-changing experience!

Youth Network MaMa is a Slovenian organization that combines and represents organizations that run youth centres or are active in the field of youth work in Slovenia in order to support youth, their spending of quality free time and a better life on the society. With it’s activities the Youth Network MaMa stimulates and promotes creative activities of youth and emphasize the principles of tolerance, cooperation and at the same time social awarness among members and wider public.

Immagine

In the EVS project “Say hello to tolearnce“, from 26th September to 28th October, they will host 16 European volunteers that will prepare and execute an EVS promotional campaign, promoting tolerance and social integrations as well as international mobility of youth Erasmus+ Youth in Action programme.

So we sat down with our delightful Ilaria Imbriani, and asked her a couple of question to better understand her motives for participation in this project.

How were you introduced to Vicolocorto Association?
I knew Vicolocorto 4 years ago, when a friend of mine went to Turkey to do a youth exchange with Vicolocorto as sending organization, and after the experience suggested me to do a similar experience.

Have you ever volunteered before?
Before Vicolocorto I volunteered in a doghouse, but it was complitely different.

Is this your first time volunteering abroad?
It is not the first time for me volunteering, but it is the first time I am doing an EVS. I’ve done 2 youth exchanges and one training course abroad on different topics in Georgia, Austria and Poland.

Why did you choose this project?
I choose this project because I was searching first for a short evs (1 or 2 months) and I found this short EVS in Slovenia. I really like the topic (tolerance, social issue, youth centre) and I really like the fact that we will move from town to town across Slovenia.

What can you contribute to the project?
I think I can contribute to this project with my energy and my desire to do, know, challenge myself, learn from other people and improve as a person.

What are your expectations related to the voluntary program?
Actually I have no expectations because I try not to have expectations, but rather to live the moment. I only wish that I meet interesting people and friends and live in a serene atmosphere.

What are your expectations related to the organzation and other participants?
I hope the organization will try to make the best in order to facilitate participants (transports, food, activities)
and make sure it will be a wonderfull project.

Why did you choose this country?
Firstly I choose the project because I like it very much. But I’m also curious to visit and learn from sLOVEnia.

What is your plan for the future? Do you think that EVS can help you to achieve your goals?
I think after this short-term EVS I will make one long-term, because I think I need this at the moment. I need a challenge with myself and I have to grow up as a person so I hope this EVS will help me in this.

Thank you very much for your time, we wish you most of the luck in Slovenia and in the future!

Maja

Eventi locali / Local events, in invio/sending abroad, Servizio Volontario Europeo (EVS)

Tell us about your EVS!

“So, how was it abroad?” – this is one of the first questions that every traveler has to answer upon his return to the home country. The person asking the question is curious, and also expects a nice answer – if possible short, and also profound. The problem is, that this ‘one’ answer is extremely hard to give. I mean, how are you supposed to summarize weeks or month, full of memories, full of ups and downs, in one sentence? See, it’s kind of impossible.

But still, it is nice to share experiences, for both sides: the traveler gets to relive some moments and share the passion about the journey, the questioner gets to imagine what it was like, maybe dreaming about doing something similar himself.

So to give former Italian EVS volunteers abroad the chance to share their experience with us, today’s article is going to be the first one of a series of short interviews with them, in which they will tell you something about themselves, about their projects and about the whole “EVS experience”.

And here we go with our first candidate, Nicola Tallarini, who did his EVS in Austria from February to July 2014

Tell us something about you: Who are you? Where are you from? What do you do at the moment? Why did you want to do EVS?

My name is Nicola, I’m 28 years old and come from Italy (my village is close to Pesaro). I teach Italian as a foreign language.
I participated to an EVS project in Austria. Afterwards, I have decided to stay in Graz and look for work. If you participate to the EVS project, you get everything that you need to live abroad. But afterwards, if you have studied literature and live abroad, it is not easy to find work. In general, it is not easy to live (and survive) in a foreign country. That is the reason why I’m doing more than one job simultaneously: I teach Italian to children and work at the University as a lector, teaching some supplemental programs. Every day, I learn German at the University. Learning German and gaining experience through living abroad were my reasons to participate to the EVS program.

Vicolocorto, Austria, EVS, GrazDescribe your project a little bit: What was it about, what did you do and why did you choose that project?

I worked as a tutor in a youth centre in a village in Austria. For me, it was very interesting, because I didn’t know anything about youth centers before. In Gratwein (the village), I could discover the youth center “Click In” and I liked it a lot. My colleagues were very nice, helpful and professional, because they were already experienced and had completed special studies to work with young people.

How was your first impression when you arrived? 

I had been to Graz before, so it wasn’t a shock for me. I was satisfied to come back there. In the youth centre I noticed immediately that the youngsters are really nice and funny. Some weeks ago I visited them and I was glad to see them happy.

Did you experience a cultural shock? How fast did you learn the new language?

Of course the language was a little shock for me. German isn’t an easy language. I had learned it a little bit by myself and then did a crash course. In Austria, they often speak a strong dialect, so I needed time to understand everything. Since I wanted to learn German, I never spoke any English.

Did you feel integrated in the local community?

I lived in Graz and went to Gratwein by train every day. There are many foreigners living in Graz, so it’s easy to feel at home. If you miss Italy, you can meet a lot of Italians, because there are many in Graz. The young people in Graz are nice, but more reserved than Italians. It’s not easy to get in contact with them.

Vicolocorto, Austria, EVS, Graz, Click InDid you have anything that you did regularly in your free time? (sports, music…)

Since there are many beautiful bike lanes in Graz, I was biking almost every day. I often took a walk or went hiking. Together with a friend (Francesca from Pesaro), I tried to learn Wiener Walzer. We went to the theater and the opera often and also visited many museums.

All together, how would you rate your EVS experience? Was it as you expected it or totally different?

My experience was very positive. After my studies, I really wanted to do something different, and thanks to the EVS program I could work with youth and learn a new language. I was expecting to do something new and different, and I am happy that I found exactly that.

Now that your project is over, do you feel that it changed you or influenced you somehow? Is your life now different from what is was before?

Thanks to Erasmus, Youth in Action and the Leonardo program, I have had the chance to live abroad. Now I feel like I understand and know how to work with young people a lot better – something very important for me, since I want to work as a teacher.

 Vicolocorto, Austria, EVS, Graz, Click In

Grazie Nicola for telling us about your experience!

 

in invio/sending abroad, Scambi, corsi, seminari/Short-term projects, seminari/short-term projects, Uncategorized

A Youth in Action Seminar

Si è svolto dal 5 al 13 giugno, a Dilijan in Armenia, il seminario europeo “Crossroad exclusion and gender”. Al seminario hanno partecipato circa 30 persone provenienti da: Armenia, Ucraina, Bielorussia, Lituania, Estonia, Georgia, Repubblica Ceca, Olanda, Germania, Spagna e Italia.

Vicolocorto International Seminar June 2014 ArmeniaLe discriminazioni di genere sono un problema che colpisce la vita delle giovani donne europee, discriminate in vari ambiti: dal lavoro, alla salute, all’istruzione, alle condizioni economiche e sociali. Ecco perché giovani volontari e lavoratori presso Ong e Associazioni si sono incontrati per discutere sul problema, studiare la situazione in Europa, scambiarsi buone pratiche e redigere progetti per migliorare concretamente la situazione.

Il metodo adottato durante il seminario è quello dell’educazione non formale, con sessioni di lavoro in gruppo in cui il sapere viene condiviso e ci si confronta sui vari temi da affrontare.Molte sono state le simulazioni tra cui una sorta di gioco di ruolo sull’immigrazione, in cui i partecipanti erano o migranti alle prese con la burocrazia, o personale sanitario dei centri per l’impiego, della polizia e delle amministrazioni, che devono gestire le richieste d’asilo e i permessi di soggiorno. Altre attività hanno riguardato il tema delle discriminazioni di persone portatrici di handicap, e LGBT, ma il focus è rimasto sulle esclusioni legate al genere.

I partecipanti hanno avuto modo, oltre che di confrontarsi tra loro, scambiandosi statistiche ed esperienze, anche di conoscere direttamente la situazione armena legata alla disparità di genere e all’omo-transfobia. Un pomeriggio è stato dedicato alla conoscenza della popolazione di Dilijan, che ha aperto le sue porte al gruppo di partecipanti europei, si è lasciata intervistare e ha raccontato la propria opinione su quali sono i ruoli dell’uomo e della donna nella società armena e come i giovani vivono la situazione. Molto interessante è stata la visita nella capitale Yerevan degli uffici di due associazioni: Women Resources center, attivo contro la violenza sulle donne e Pink Organization (pinkarmenia.org), attiva nel riconoscimento dei diritti LGBT, nell’educazione sessuale e riconoscimento dei diritti umani.

Vicolocorto International Seminar June 2014 Armenia

La volontaria del Women Resources center ha illustrato una situazione molto difficile per le donne armene, relegate nel loro ruolo di mogli e madri, a cui è reso difficile poter lavorare e rendersi indipendenti, e spesso vittime di violenze domestiche. Il governo è coinvolto da dieci anni nelle problematiche dell’equità di genere ma è osteggiato nella sua attività da lobby fasciste, nazionaliste e pro-Russia. Il concetto che cambiando la tradizione e la società patriarcale si distrugga l’identità armena, concetto quasi sacro da preservare dopo la tragedia del genocidio, fa sì che sia molto difficile evolvere la situazione e migliorare la condizione di donne, gay, lesbiche e transessuali nel paese. Attualmente non c’è una legge contro le violenze domestiche e si sta discutendo su una legge che impedisca ai medici di rivelare in gravidanza il sesso del bambino, questo per limitare la piaga degli aborti selettivi di femmine. Il numero di aborti praticati sia legalmente che non in Armenia è molto alto, e non c’è educazione sessuale o non è corretta e superficiale.

La Pink Organization si occupa di difendere i diritti di gay, lesbiche e trans, ma attualmente ha dovuto ridimensionare molto il proprio ruolo per garantire l’incolumità dei manifestanti che sono stati spesso attaccati da gruppi nazisti. L’associazione è in collegamento con altre nel Caucaso e le battaglie per supportare i diritti LGBT si collegano a quelle per i diritti delle donne ed i diritti umani in generale.
Al termine del seminario si sono fatte delle proposte progettuali che riguardano i singoli partecipanti nel loro specifico campo lavorativo, creando partnership e motivandosi ad andare avanti, a scambiarsi informazioni e suggerimenti, a creare eventi comuni.

Come partecipante italiana posso testimoniare che questo genere di seminari ha un impatto molto positivo sulla popolazione locale, lo scambio reciproco avviene alla pari e crea un clima molto motivante e collaborativo. Capire qual è la situazione in altri paesi europei riguardo all’equità di genere e aver modo di ascoltare testimonianze dirette fa sì che si comprenda meglio il fenomeno e ci si impegni, ognuno nel proprio campo, per migliorare le cose. Punto fondamentale è riconoscere il problema dell’equità di genere e delle discriminazioni come un tema che riguarda i diritti fondamentali dell’uomo. Creare reti, condividere esperienze e soprattutto dimostrare che il tema dei diritti sta a cuore a molti, facendo sentire la propria voce è uno dei risultati di questo seminario.

Luisa

 

in invio/sending abroad, Scambi, corsi, seminari/Short-term projects

Tra Balcani e Caucaso, il ricordo di due esperienze decisive

Questo è il racconto di due esperienze molto simili e molto diverse tra loro, che ho fatto grazie all’associazione Vicolocorto e che hanno influito notevolmente su quello che farò in futuro – già lo so, alcune cose le sai appena succedono. Agli inizi di gennaio 2014, dopo cinque mesi di disoccupazione prolungata, ero decisamente un po’ depressa, il mio ragazzo era sempre fuori per lavoro e nonostante le cose non andassero bene in nessun campo non avevo la forza per cambiare le cose. Ho scoperto per caso Vicolocorto, cercando proposte di esperienze lavorative all’estero, e ho deciso di partecipare al Training Course che si sarebbe svolto a febbraio, in Albania: per l’esattezza a Korça, una città di cui non sapevo assolutamente nulla. A dire il vero, non sapevo proprio niente dell’Albania in generale, né avevo un’idea precisa di cosa mi avrebbe offerto questo corso. Sono però una persona estremamente curiosa, e quindi ho lasciato da parte la diffidenza e la paura e sono partita. Sul bus diretto dall’aeroporto verso il centro di Tirana, già ero un po’ spaventata: il mio contatto albanese mi aveva detto soltanto che una volta lì avrei dovuto chiedere le indicazioni per il pullman che mi avrebbe portata a Korça. Pensavo sarebbe stato difficile, invece appena scesa dal bus è arrivato un signore che si è spontaneamente offerto di aiutarmi, ed è stato esilarante fermare il pullman che era appena partito, bloccandolo in mezzo alla strada.

Dopo cinque ore di viaggio (per 180 km di strada!) in compagnia di un gruppo di anziani signori albanesi che per farmi sentire a mio agio cantavano con me le canzoni di Biagio Antonacci che passavano alla radio – non mi piace la sua musica, ma quel momento è stato decisamente commovente – sono arrivata a Korça. Lo scenario inizialmente mi è sembrato desolante: il mercato era vuoto, era sera, c’erano un paio di cani randagi in giro che mi spaventavano un po’. Per fortuna a farmi compagnia è rimasto Churchill – si chiamava così, come il ministro inglese!- uno dei signori del pullman, preoccupato di lasciarmi sola. Ho aspettato in un caffè, dopo mezz’ora è arrivato il mio contatto albanese e sono arrivata all’hotel dove eravamo sistemati. Lì è iniziata un’esperienza bellissima: ho trascorso una settimana insieme a ragazzi e ragazze provenienti da ogni parte d’Europa, greci, turchi, lituani,serbi, croati, sloveni, polacchi, albanesi, macedoni, spagnoli.

I primi due giorni eravamo tutti storditi dalla differenza culturale, le conversazioni vertevano inevitabilmente sulla curiosità che ciascuno aveva di scoprire il paese dell’altro, e i nostri trainers avevano ideato una serie di “giochi sociali” per rendere l’atmosfera più calorosa e divertente. Nell’arco di una decina di giorni ci siamo ritrovati a discutere di diritti umani, delle opportunità di lavoro all’estero, dell’importanza di proteggere la propria immagine su internet – il corso era basato sull’utilizzo dei social media e sul social empowerment – e del peso che hanno gli stereotipi nella vita delle persone. E’ una questione che ho sempre preso sottogamba, ma quando mi sono ritrovata a dover raccontare a una adorabile ragazza albanese quali erano gli stereotipi degli italiani nei confronti della sua nazione, mi sono resa conto che non era qualcosa da trascurare. Forse è stato il momento più importante: ritrovarmi in bocca gli aggettivi che tanto facilmente e spesso ho udito nei confronti degli albanesi – sono sporchi, ladri, criminali – e pronunciarli davanti a lei è stato difficile, ma sorprendente. Lei ha annuito, ha detto “beh, certo, nel nostro paese può capitare di incontrare persone così. E siamo molto poveri, quindi magari anche questo influisce sull’immagine che diamo all’estero”, e poi mi ha sorriso. Poi è toccato a me essere giudicata, e mi hanno detto che gli italiani erano mafiosi, non sapevano parlare senza le mani, avevano sempre una sciarpa al collo e le donne erano tutte bellissime. A parte le ovvie risate, mettere a confronto gli stereotipi riguardanti una gran quantità di paesi europei, il tutto nell’arco di un paio d’ore, ci ha fatto percepire quanto spesso fossero basati sul nulla e potessero essere fuorvianti. La sera poi c’erano le feste multiculturali: ogni giorno il rappresentante di un paese preparava una piccola rappresentazione o un video per parlare della propria nazione, offrendoci i prodotti gastronomici tipici. La mia coinquilina, una ragazza croata di trent’anni che come era da poco disoccupata, era la persona ideale per condividere la stanza: la colonna sonora di “Searching for Sugar Man” la sera, una birra dopo cena, la scoperta della bellezza di Korça nelle pause dopo pranzo. Abbiamo creato un gruppo su Facebook, abbiamo riempito le pareti della nostra aula di poster colorati e creativi, e ciascuno di noi ha scoperto qualcosa di più sul concetto di multiculturalità.

Vicolocorto International Training Course February 2014 Albania

La domenica è stata una giornata magnifica, abbiamo fatto una piccola gita al lago di Prespa, un’autentica meraviglia: non ho mai visto un posto del genere. Il lago era limpido, e lo dominava nel mezzo un piccolo isolotto dove si trovava una chiesa ortodossa del XIII secolo, un vero gioiello. Dopo aver fatto il giro della piccola isola siamo tornati in barca nel villaggio di Prespa, dove abbiamo mangiato il pesce di lago cucinato alla maniera macedone. Quel giorno mi sono resa conto che il turismo in Albania non è abbastanza sfruttato, e il mondo non è a conoscenza delle perle naturali che possiede questa terra. A dire il vero, io credo che in pochi conoscano anche l’incredibile gentilezza e ospitalità albanese: durante un giro al mercato i venditori ci fermavano per conoscerci e farsi le foto con noi, uno di loro ha regalato a tutte le ragazze un paio di calzini, e la signora che cucinava i berek – sfoglie croccanti ripiene di formaggio, lo street food tipico – era veramente simpatica!

Quando sono tornata a Roma, alcune cose nella mia vita sono cambiate: io e il mio ragazzo ci siamo lasciati, e alcuni dei presupposti su cui avevo fondato il mio futuro sono stati spazzati via. Non ci ho pensato un attimo: mi sono subito iscritta a un altro corso, questa volta in Georgia, a Kobuleti, sulla costa del Mar Nero: così, il primo maggio ero di nuovo in viaggio, questa volta in compagnia di un’altra amica italiana, Giulia. Mentre per lei era la prima volta, io ero già a conoscenza di come funzionava il Training Course, quindi ho provato meno timidezza il primo giorno, quando abbiamo conosciuto tutti gli altri partecipanti del corso.

Questa volta in nostra compagnia c’erano anche armeni, azeri, ucraini ed estoni, e l’intero hotel era stato occupato dai partecipanti di altri tre progetti Youth in Action. C’erano ragazzi e ragazze dappertutto, e ogni giorno avevi l’occasione di conoscere persone nuove e interessanti, come un ragazzo armeno che nelle pause al lavoro da Mac Donald’s in America aveva imparato a intagliare la frutta in maniera incredibile, oppure come quel gruppo di ragazzi croati che da tre mesi viaggiava in pullman di progetto in progetto, senza ancora aver deciso quale sarebbe stata la tappa finale. Un bagno nel Mar Nero mi ha tolto di dosso tutte le scorie di tristezza che avevo addosso, e i vari workshop e brainstorming che abbiamo fatto durante i giorni di corso mi hanno aiutato a pensare ad altro prima, e poi a considerare realmente cosa potevo fare della mia vita dopo. Il corso approfondiva la nozione di personal branding, cioè la capacità di promuovere sé stessi mettendo in luce le proprie qualità: ci siamo ritrovati a considerare quali erano gli aspetti che preferivamo della nostra personalità, cosa ritenevamo che fosse veramente importante nella nostra vita, quali erano i valori imprescindibili e per che cosa eravamo disposti a farci valere. Tutto ciò può suonare un po’ ingenuo ed effimero, ma mi è sembrato che non mi fossi mai realmente fermata a pensarci su, sempre presa a considerare cosa sarebbe sembrato più cool da fare nella mia vita, non quello che veramente avrei voluto fare. Così, dopo una sessione in cui ci hanno spiegato a cosa serve lo SVE e quali opportunità ti regala, ho capito che è un’esperienza che fa decisamente al caso mio, e che non ho veramente tempo da perdere.

Vicolocorto International Training Course April 2014 Georgia

In questi giorni ho fatto domanda per alcuni progetti in giro per il mondo, ciascuno interessante sia per gli obiettivi del progetto sia per le possibilità di imparare qualcosa di nuovo che ti regala, e non vedo l’ora di partire. La Georgia, come anche l’Albania, mi è rimasta nel cuore, sia grazie al corso e ai nostri compagni con cui ancora adesso mi scrivo e spero di rivedere in futuro, sia per la bellezza del posto in sé. Gli ultimi due giorni ne abbiamo approfittato per fare un salto a Tbilisi, la capitale, e abbiamo confermato sia la nostra idea che la cucina georgiana fosse eccezionale – con il delizioso kachapuri acharuli on my mind – sia che era decisamente un posto affascinante, anche per le sue contraddizioni tipiche di un paese in via di sviluppo: da un lato costruzioni ultramoderne e avveniristiche, dall’altra antichi palazzi un po’ in rovina, cani dappertutto e il turismo ancora poco sviluppato.

Ho scritto che queste due esperienze influiranno sul mio futuro. Come? Ricordandomi, ogni volta che mi capiterà di sentirmi inadeguata o fuori luogo o anche solo un po’ triste – capiterà di sicuro, prima o poi, come a tutti – che la curiosità verso ciò che succede al di fuori di te è quello che ti salva. Il modo migliore per risolvere i propri problemi è affrontarli, certo, ma per farlo c’è bisogno anche di una piccola dose di capacità di relativizzare, ed è un regalo che ti fanno i viaggi e il rapporto con le persone, soprattutto quelle che vivono in modo molto diverso da te. Scoprire che si può pensare e vivere differentemente da come ti è sempre sembrato logico ti aiuta a ristabilire un equilibrio tra il tuo stile di vita e quello che effettivamente vorresti fosse.

Fabia

in invio/sending abroad, Scambi, corsi, seminari/Short-term projects

A training course in a training course: the story of “Life Love Youthpass!”

Life Love Youthapss was a Training Course held at the Inn at Dromoland located in Co. Clare from the 25th till the 30th of May 2014.

This training was part of a ToT experience: it was a training designed, implemented and evaluated by a group of trainers as a part of a long term training course for trainers organized by SALTO and Léargas – Youth Work Service (National Agency).

Trainers of this project were Laura Pierfelici (Vicolocorto, Italy), Clara Ciberga (Sci Catalunia, Spain) and Sophie Breuker (Fishbowl, Ireland).

The logistical support was guarantee by Alan Mac Mahon, who supported us also through his funny stories and traditional fairy songs. He did so great job! He even organized a dinner out in a restaurant on the grounds of Dromoland castles!

Vicolocorto Training for Trainers 2014 Ireland

As part of a learning process, we (yes, I was one of the trainers, yuppi!), we had a preparation meeting in Ireland at the beginning of May where we created a first draft of the programme after the previous two seminars in Sweden (October 2013) and Spain (January 2014) and so many skype meetings and emails among us.

This Training Practice had one-day final team evaluations concerning the participants, the programme and our learning process immediately after the training itself and then, after a couple of weeks, a week of evaluation in a seminar in Calabria, Italy, where we took time to evaluate our individual roles and our learning outcomes.

Vicolocorto Training for Trainers 2014 Ireland

Coming back to the training itself, the 4 days of it were aimed to improve the quality of the Youthpass process for the self-assesment and the recognition of the learning outcome of the EVS.

For that reason 15 EVS mentors and EVS coordinators from Spain, Ireland, UK, Poland, Germany, France and Hungary took part to the project discovering the philosophy behind Youthpass through a journey into the learning process using non formal/informal and self-directed learning, to explore Youthpass as a tool for learning and improving competences on transferring the learning outcomes into the Key Competences of the Youthpass certificate.

Among all the methods, there is one I personally loved: the M&M!

In this activity each participant could explore the role of being a mentor while at the same time being mentored by a peer. The support and dialogue created on this space was wonderful and it gave a voice and a shape to their learning.

Participants says about it:

“I really like the M&M idea. It gave me better idea about being mentor an it was good to have someone to bounce ideas off in a one on one situation”

Vicolocorto Training for Trainers 2014 Ireland

As a results of the whole training, on the basis of the final evaluation, we can assume that the participant’s organisations have benefit of arising the professional competences of their staff, in particular someone in the role of mentoring, who is now able to coordinate or support EVS projects with higher quality regarding the learning impact on participants and learning outcomes analysis and, not less important, is really motivated on doing it.

Participants says:

“This is a great course for anyone considering being a mentor. It really give you a great perspective about what is involved, what your responsibility is, what to expect from your EVS participants and what they can expect from you. It clarifies about Youthpass and helps you to see where learning is achieved in order to help them fill in Youthpass. Formal/non-formal & informal learning. I would recommend this course.”

Vicolocorto Training for Trainers 2014 Ireland

What we did?

After one day focused on group dynamics and getting to know each other, personally and professionally in our role and NGO context, we jumped into the topic exploring the learning process through different aspects (context, learning styles, recognition, validation).

Participants says:

“The doubts of others and mine too learned and defined more the concepts and made me realize that it´s not that difficult to find learning in every context of our lives (including personal and professional mixed or separated)”

These concepts were essential for participants to not only recognise how they learn but also how to support others in the learning processes.

“I hope to be able to apply in the best possible way what I practiced here in the volunteer´s everyday life. I really believe that awareness of the learning process is the key for the satisfaction of volunteers, in order for them to take the best from the EVS experience.”

Vicolocorto Training forTrainers 2014 Ireland

The next step was to jump from learning process to learning assessment and the facilitation of this process: when does learning actually happen and how this can be transferable to different contexts and environments?

For many in the training this was a totally new concept but it was also a big ‘AHAH’ moment of the value of understanding and assessing one’s own learning.

“I can see learning now in places where I never would have soon it previously”

 “Helped a great deal from the inside out. When you understand then you can help others understand”

Vicolocorto Training for Trainers 2014 Ireland

Then, finally at the third day we start speaking about Youthpass and its key competences!

Could you ever imagine we did everything till now without speaking about this certificate?

Well, it was one of our purpose to stimulate participants to think “out of the box”, it was an hard challenge but we did it successfully!

Vicolocorto Training for Trainers 2014 Ireland

Then, the final day was aimed at closing the whole training process sharing resources from within the group. Our group of participants came from  different ranges of experiences within EVS, some had previous experience of being an EVS volunteer and now a mentor, others were simply mentors and some even first time mentors just starting their journey into receiving or sending volunteer, additionally we also had EVS on-arrival and mid-term trainers.

As a result we had a massive resource of knowledge within the group on all aspects of the EVS programme.

Quotes from participants:

“Was great to talk to others with experience and share informations and tools, it was great getting answers to the questions I had. I have made great contacts and people… I am sure I can contact in the future when I have questions.”

“I’m gonna use a lot of the tools that we shared. For me, it´s easier to use tools to understand things”

“Some of the tools are amazing starting points for our action plans. We still have to adjust but being able to receive and give meant a great deal for me.”

Vicolocorto Training for Trainers 2014 Ireland

How everything ends?

Well, we took some time to create our own action plan for mentoring EVS volunteers and to fill our Youthpass with the support on their self-assessment of their peers and M&M.

And what about us?

We initially received almost 100 applications to attend to this course and the final evaluation filled by the participants show us we were able to reach the objectives of the project and to fulfilled their personal and professional expectations

It was hard and tiring experience but the special “spicy” group dynamic in our trainer’s team made our job easier thanks to all the laughings and jokes among us.

We are not the only ones who thinks that, because participants also says about us:

“I feel really comfortable and you were sharing good humour, good mood, good energy and passion about learning and about reflecting of the learning process.”

Keep following us and see you at the second edition, we will do our best to repeat it, be ready!

Vicolocorto Training for Trainers 2014 Ireland